Crateri fantasma (ghost craters)

In particolare nel M. Humorum sono ben riconoscibili Lee, Doppelmayer e Poiseaux. A sud del cratere Bullialdus, nel M. Nubium si possono osservare Kiess e Lubinietzki con la platea quasi occupata dalla lave. Un altro caso rappresentato da un tipico anello fantasma, Flamsteed P, nell'Oceanus Procellarum. Esso appare come una serie di montagne, in parte erose, emergenti in questo caso da due diversi tipi di basalti del periodo Imbriano ed Eratosteniano, come si evidenzia dalla diversa albedo degli stessi.

Definizione tratta dall'articolo "I misteriosi rilievi di Tolomeo" di Piergiovanni Salimbeni e Raffaello Lena, pubblicato su Nuovo Orione n 97 - giugno 2000. Ringraziamo l'autore e l'editore per la gentile concessione.


Torna a Indice dei termini astronomici
Torna alla C.AS.T. Home page