26/08/2008
08:58 TU
Immagine di
Lucio FURLANETTO
Ripresa da Sottoselva
di Palmanova (Ud)
Inquinamento
Luminoso
Public lighting system presents in Marconi road: 119 KB; click on the image to enlarge
L'ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI VIA MARCONI

L'immagine di questa pagina la ripresi la mattina del 26 agosto 2008, dall'esterno di casa mia, e mi serve per mostrarvi un'illuminazione full cut-off installata alcuni anni fa dall'amministrazione palmarina, probabilmente la prima via della nostra cittadina con tale tipo d'illuminazione. Bisogna sottolineare però che, se da un lato questa illuminazione è sicuramente maggiormente ecologica rispetto alle precedenti lampadine ai vapori di mercurio oggi vietate dalle norme comunitarie, essa però viene utilizzata in maniera eccessivamente potente, in quanto le lampade ai vapori di sodio ad alta pressione hanno una maggiore efficienza rispetto alla maggior parte degli altri tipi d'illuminazione. Per questo motivo è evidente che la loro potenza luminosa dev'essere sicuramente inferiore (anche a un terzo) della potenza precedente, altrimenti non si produce un risparmio energetico (e monetario) per le casse del comune. Per cui non si raggiungerà lo scopo principale della legge regionale: ridurre il consumo elettrico (che da noi implica l'uso di energie quasi sempre non rinnovabili) e la spesa della bolletta pagata dai cittadini!
Inoltre l'interdistanza tra questi pali, cioé la loro distanza reciproca calcolata in base al numero delle volte della loro altezza, è inferiore al fattore 3,8, il minimo richiesto dalla LR FVG, visto anche che i gruppi illuminanti attualmente adottati permettono interdistanze di 4,5 (o addirittura superiori a 5 in certi casi). Purtroppo, visto che la costruzione dell'impianto è antecedente alla promulgazione della legge regionale, a quei tempi tale misura non era ancora un obbligo. A questo bisogna segnalare pure che il palo inquadrato in primo piano non ha nemmeno l'ottica parallela alla strada, quindi la sua emissione di 0Cd/90° è maggiore di zero (attualmente vietata). Il motivo è semplice: non essendo stato posizionato come gli altri pali sul bordo della strada, ma un metro e mezzo all'interno (quindi rasente il muretto confinario del mio vicino di casa), secondo il progettista esso non avrebbe correttamente illuminato tutta la strada. A parte che ritengo che l'avrebbe fatto comunque, una tale disposizione ha tre implicazioni: 1) la luce del gruppo illuminante viene dispersa oltre l'orizzonte; 2) esso illumina completamente la facciata della casa di fronte impedendo così ai proprietari di poter dormire al buio se tengono le finestre aperte la notte; 3) tantissima luce viene riflessa dal muro della casa adiacente alla mia, la quale la riflette all'interno del mio giardino, impedendomi di fatto di poter fare osservazioni astronomiche da là. Questo non fa crollare il mondo, ma lede un diritto che a ogni cittadino va garantito: poter effettuare delle attività permesse dalla legge (in questo caso addirittura "ricerca scientifica") da una propria prorietà immobiliare.
Come si capisce, l'esempio citato è solo una goccia nel mare delle ingiustizie quotidiane, ma dimostra chiaramente che anche un unico sbaglio commesso da un progettista (e nemmeno specializzato in quel campo, visto che non era un ingegnere illuminotecnico) che non segua le leggi (ma sovente basterebbe il solo buonsenso comune), può porre fine a un'attività protrattasi per decenni e che ora diventa impossibile da effettuare. Se a questo aggiungiamo che il campo sportivo, distante mezzo chilometro in linea d'aria, per lo stesso motivo illumina a giorno almeno due notti a settimana tutta la zona a nord e est di Palmanova, che l'alone di inquinamento luminoso generato dall'Eurospar di Sottoselva è ancora peggio perché arriva ad almeno 30°-35° di altezza ogni notte, bé capirete che le cose non possono andare avanti così, considerando poi che questo spreco di luce direttamente o indirettamente (coi prezzi della merce) lo dobbiamo sempre pagare sempre noi!
Invece si racconta con dei bei spot in televisione che per far risparmiare allo stato (regioni, provincie, comuni) si devono spegnere tutti i led della televisione o del lettore DVD!!! E' pazzesco!
Una (1) sola lampada stradale equivale alla potenza consumata di molte decine di apparecchi domestici in condizione di stand-by...
Progettando gli impianti a norma della legge lombarda sull'inquinamento luminoso, la legge capostipite di tutte le buone leggi in vigore, si sarebbero raggiunti importantissimi risultati: una strada illuminata correttamente (quindi adeguatamente e in maniera uniforme) , un notevole risparmio energetico (con conseguente riduzione della spesa elettrica del comune), un abbattimento dell'inquinamento luminoso. Questo avrebbe significato tanti benefici e non ci sarebbero stati nemmeno i danni evidenziati in precedenza!

Per maggiori informazioni sulla LR FVG 15/2007 utilizzate i links presenti all'inizio del testo del 2 notiziario 2008. Per vedere da vicino i corpi illuminanti full cut-off di via Marconi cliccate qui.

L'immagine ha una dimensione di 450x600 pixel; è a 16,8 milioni di colori ed occupa 9,6 MB, quì compressi a 119 KB. Cliccandola l'aprirete a 1125x1500 pixel. L'immagine originale è di 1704x2272 pixel, per una dimensione non compressa di 22,1 MB, compressi a 900 KB.

Macchina fotografica: Canon Powershot A520
Rappresentazione colore: sRGB
Conteggio fotogrammi: 1
Profondità: 24 bit
Distanza focale: 6 mm; f/8
Sensibilità equivalente: 100 ISO
Tempo d'integrazione: 1/202 secondi
Modalità di regolazione: motivo
Compensazione di esposizione: 0 passaggio
Risoluzione dell'immagine: 180x180 dpi

Immagini sull'Inquinamento Luminoso | Inquinamento Luminoso | Fotografia, ccd e ricerca | Articoli

Homepage
Copyright © 2008 di Lucio Furlanetto (testo e immagine)
Importante: il giudizio espresso si basa solamente su considerazioni illuminotecniche e
di lotta all'inquinamento luminoso; non vuole essere offensivo nei confronti di nessuno.

Pagina caricata in rete: 30 settembre 2008; ultimo aggiornamento (1º): 27 maggio 2009