logo CAST

Leonidi 2003
di Lucio Furlanetto

Leonid predictions published in WGN, Journal of the IMO

An article by J. Vaubaillon, E. Lyytinen, M. Nissinen, and D.J. Asher is now in press for the October issue of WGN, vol. 31. The paper is already available at http://www.imo.net/ or on the mirror site http://www.amsmeteors.org/imo-mirror/.

The authors' compilation of 2003 Leonid models is given below. Larger values of Da_0 correspond to fainter meteors.

Rainer Arlt

(NdR: vedi tabella sotto)

Dopo l'e-mail sopra di Rainer Arlt con la prima tabella delle previsioni, lo stesso 6 novembre giunse un e-mail da parte di Huan Meng, il quale aggiornò alcuni dati e introdusse dei commenti al precedente testo, soprattutto sull'osservabilità di particoli picchi di meteore.

"Many thanks for Rainer's efforts to publish the paper on the internet prior to the shower. Here, I'm just trying to give the corresponding quantitative population index for each event predicted. I did not check the prediction as for Perseids this year, so have no idea for predictions without Da_0 since they are necessary for the calculation. The calculated population indices for too old trails or strongly resonant trails (e.g. 1533) may have some bias. Also note that these values are for INDIVIDUAL trail only. Other structures (e.g. so-called filament) and the background may affect it. Though the influence for strong events is rather weak, but is fairly notable for week ones, depending on their ZHR."

Trail  Model           Da_0   f_M    Time    UT               ZHR
1499   Asher&McNaught  0.28  ~0.03   Nov 13, 13h15            -
1499   Lyytinen        0.28  ~1.6    Nov 13, 16h40 half a day 100
1499   Vaubaillon                    Nov 13, 17h17            120
1499   Asher&McNaught  0.26  ~0.8    Nov 13, 18h20            -

Da_0 = 0.28, r = 4.92
Da_0 = 0.26, r = 4.63

1533   Asher&McNaught  0.30  ~0.04   Nov 19, 06h30            -
1533   Lyytinen        0.30  ~0.1    Nov 19, 08h              dozen(s)
1533   Vaubaillon                    Nov 19, 07h28            100

1733   Lyytinen        0.11          Nov 19, 00h25        a few dozen?

r = 2.55

Esko Lyytinen writed: "This gives the main maximum a ZHR of about 70 at sol.long
236.888 (around that 16:50 UT). The main maximum with a width of about
two hours extends."

r = 5.17

1333   Asher&McNaught  0.12  ~0.02   Nov 20, 00h50            -
1333   Lyytinen              ~0.02   Nov 20, 01h30            20
1333   Vaubaillon                    Nov 20, 01h26            15

r = 2.99

Esko Lyytinen writed: "Even more with a declining ZHR around or below 10 and
rises to a new weak maximum of about ZHR 10 at 03:30 at Nov 20. This
last one is from the negative 'continuos accceleration' value particles.
Don't know if this second maximum can be actually identified. "

736   Lyytinen       -0.008         Nov 22, 21h              10
736   Vaubaillon                    Nov 22, 22h02             2

r = 1.34

636   Vaubaillon                    Nov 23, 02h56            10

no Da_0 value!


Questa e-mail di Rainer Arlt riporta i primi risultati dell'osservazione visuale delle Leonidi. Di seguito c'è il secondo messaggio che amplia i risultati e la statistica.


The 2003 Leonid meteor shower has not yet provided distinct peaks of activity. A full week of moderate Leonid meteor rates has shown only one clear maximum; near 2003 Nov 19.4 UT with an uncertainty of roughly +-6 hours.

This maximum coincides with the predicted times of about 06h 30 - 08h 00 UT for the encounter with the 15-revolution dust trail of parent comet 55P/Tempel-Tuttle. The dust was ejected from the comet near its perihelion passagein 1533.

The material ejected in 1499 has produced enhanced rates on November 13, but no clear peak time can be derived from the data received so far.

The ZHR gives the number of meteors as if the radiant would be in the zenith, and at an observer's stellar limiting magnitude of +6.5. The latter condition implies strong extrapolations of observed meteor numbers, since the waning moon interfered with most of the observing periods.

At this preliminary state, only the relative variations in the ZHR should be of interest. Absolute values must be discussed and fixed with the full dataset.

Date     Solarlong  nINT   nLEO    ZHR
Nov 12.80   229.93     1      0     (0)
Nov 13.50   230.64     4     13     26
Nov 13.72   230.86     7     12     21
Nov 14.01   231.15     7      9     27
Nov 14.77   231.92     1      2    (47)
Nov 15.76   232.91    13     28     15
Nov 16.24   233.40     1      4    (20)
Nov 17.21   234.37     4      7      7
Nov 18.52   235.69     6     18     13
Nov 19.06   236.24     9     63     23
Nov 19.14   236.32    10     51     39
Nov 19.37   236.55    14     88     53
Nov 19.90   237.09    14     35     39

A population index of r=2.3 was used to extrapolate to lm=+6.5. All solar longitudes refer to equinox J2000.0. nINT is the number of observing periods, nLEO the number of Leonid meteors.

We would like to thank the following observers for their contributions to the above ZHR table:
Alexandre Amorim, Joseph Assmus, Jure Atanackov, Aleksandar Atevik, Shushrut Bhanushali, Michael Boschat, Dustin Brown, Ed Cannon, Parag Deotare, Kshitija Deshpande, Lucio Furlanetto, Kearn Jones, Paul Jones, Javor Kac, Ashish Kuvelkar, Anna Levina, Michael Linnolt, Qiang Ma, Xiaoyun Ma, Paul Martsching, Mikhail Maslov, Alastair McBeath, Norman McLeod, Huan Meng, Yatin Patnekar, Nilesh Puntambekar, Tushar Purohit, Jurgen Rendtel, Rahul Sangole, Mikiya Sato, Tomoko Sato, Vladimir Slusarenko, Wesley Stone, Kazumi Terakubo, Richard Taibi, Michel Vandeputte, Jeremie Vaubaillon, Linjia Wang, Yi Wang, Guangjie Wu, Quanzhi Ye, Chao Zhang, Menglin Zhang, Zhousheng Zhang.

2003 Nov 20, 09h UT

Rainer Arlt
Astrophysikalisches Institut Potsdam
Visual Commission - International Meteor Organization
e-mail: rarlt@aip.de
phone: +49-331-7499-354 -- fax: +49-331-7499-526

LEONIDS 2003, VISUAL, 2nd Circular

An updated profile of the Leonid meteor activity was computed. The data collected are still producing a noisy picture. An enhancement of activity is found on November 13, between 12h UT and 24h UT. This coincides with the predicted encounter time with the 1499 dust trail of Comet 55P/Tempel-Tuttle.

The clearest feature of the profile is the activity maximum on November 19, between 0h UT and 22h UT. No sharp peak time is found. Predictions were given for the 1533 dust trail encounter between 6h30 and 8h UT. The predictions mentioned are based on calculations by Asher, Lyytinen, Nissinen, McNaught,and Vaubaillon.

Lyytinen obtained additionally an encounter with the 1733 trail for November 19, 16h50 UT. The long duration of the observed November 19 peak maybe attributed to the superposition of the two encounters. Data are not sufficient though to derive more precise peak times.

Date (UT)   Time  Solarlong   nINT   nLEO    ZHR
Nov 13.05  01:12   230.184      3      9     14  +-  4
Nov 13.50  12:00   230.637      4     13     27  +-  7
Nov 13.67  16:05   230.808     12     15     13  +-  3
Nov 13.73  17:31   230.868     17     59     21  +-  3
Nov 13.78  18:43   230.918     12     50     19  +-  3
Nov 14.01  00:14   231.150      7      9     22  +-  7
Nov 14.77  18:29   231.915      1      2    (41) +- 24
Nov 15.71  17:02   232.861      6      8     15  +-  5
Nov 15.80  19:12   232.952      7     20     16  +-  3
Nov 16.67  16:05   233.828     16     38     14  +-  2
Nov 17.37  08:53   234.534      8     16     13  +-  3
Nov 17.72  17:17   234.887     17     65     18  +-  2
Nov 18.44  10:34   235.613     13     42     15  +-  2
Nov 19.03  00:43   236.208     14     91     40  +-  4
Nov 19.11  02:38   236.289     13    111     41  +-  4
Nov 19.17  04:05   236.349     14     96     32  +-  3
Nov 19.26  06:14   236.440      6     16     39  +-  9
Nov 19.34  08:10   236.521     13     69     27  +-  3
Nov 19.42  10:05   236.601     12    117     35  +-  3
Nov 19.63  15:07   236.813     23    292     63  +-  4
Nov 19.91  21:50   237.096     19     51     43  +-  6
Nov 20.20  04:48   237.389     18    171     32  +-  2
Nov 20.92  22:05   239.126      8     21     14  +-  3
Nov 21.66  15:50   238.863     11     40      7  +-  1
Nov 22.18  04:19   239.388      7     17     10  +-  2
Nov 22.91  21:50   240.126      8     26     11  +-  2
Nov 23.15  03:36   240.369      7     28      6  +-  1

A population index of r=2.3 was used to extrapolate to lm=+6.5. All solar longitudes refer to equinox J2000.0. nINT is the number of observing periods, nLEO the number of Leonid meteors.

Many of the observations suffer from low limiting magnitudes, and the value of the limiting magnitude may be systematically over- or underestimated. We derived the median of the sporadic hourly rates of all the observing periods and obtain = 16 which is typical for November. Observers reporting at least 10 sporadics meteors are corrected according to the ratio of their average sporadic rate to 16.

2003 November 25, 8h 30 UT

Rainer Arlt
Astrophysikalisches Institut Potsdam
Visual Commission - International Meteor Organization
e-mail: rarlt@aip.de
phone: +49-331-7499-354 -- fax: +49-331-7499-526


Secondo quanto scritto da Rainer Arlt, responsabile sezione visuale dell'International Meteor Organisation, nelle sue circolari riportate sopra, l'attività delle Leonidi nel 2003 non è stata alta anzi, purtroppo, piuttosto bassa. Nel complesso si sono potute contare poche meteore per ora, il valore HR è salito sino a pochissime decine di Leonidi per ora, al quale viene associato uno ZHR (il valore teorico rinormalizzato in condizioni standard e ideali per tutte le osservazioni) con un picco massimo di poco superiore a 60, ben poca cosa rispetto agli anni scorsi in condizioni di outburst. La polvere persa dalla cometa Tempel-Tuttle è ormai lontana dall'orbita della Terra e potrebbe necessitare un secolo intero, perché si possa vedere una nuova pioggia di Leonidi.
Nel complesso la figura qui sotto sembrerebbe mostrare nove incrementi, ma di questi solamente cinque si potrebbero definire picchi, perché ben definiti ed evidenti come "stacco" dal valore di fondo. Un fatto non verificatosi in precedenza, ma previsto dai modelli teorici del 2003, è l'incontro (alle 12 TU del 13 novembre) con le Leonidi generate dai detriti cometari del 1499, le quali hanno generato uno ZHR=27 (+/- 7). Un picco così in anticipo rispetto al momento del massimo degli ultimi dieci anni non si era visto, forse perché è sempre scarso il numero degli osservatori tanti giorni prima, se sono in attesa di picchi pari a molte centinaia o addirittura migliaia di meteore per ora... Noi in Friuli, solitamente, abbiamo maltempo prolungato nel periodo a cavallo della metà di novembre, talmente prolungato che varie volte non ho nemmeno potuto fare un'osservazione! Questo è avvenuto negli anni 1996, 1999 e 2002. Rimarco il fatto che 1999 e 2002 sono stati gli anni nei quali sono avvenute le maggiori piogge meteoriche! Nel 1997, 1998 e, soprattutto, nel 2001 ho invece goduto di cielo sereno, o nuvoloso solo a tratti, acquisendo dati molto importanti; nel 2000 e 2003 il cielo variabile mi ha permesso d'osservare, ma a spezzoni e senza la necessaria continuità, anche se alla fine ho potuto fare un conteggio comunque consistente.
Fra le previsioni ipotizzate dai ricercatori per il 13 novembre, quella che temporalmente si è avvicinata di più è quella di Asher e McNaught, i quali avevano indicato due picchi vicini, uno per le ore 13h 15m e il secondo per le 18h 20m TU del 13/11/2003. Lyytinen e Vaubaillon avevano previsto anch'essi un picco nel tardo pomeriggio di quel giorno, ma il valore previsto dello ZHR è risultato parecchio sovrastimato, di almeno un fattore 4-5.

Attività delle Leonidi determinata dalle osservazioni visuali del 2003; cortesia Enrico Stomeo (UAI-sm)

Un po' inferiore al primo è stato il picco delle 00 TU del 14 novembre, con ZHR=22 (+/- 7), mentre nelle successive sessanta ore il tasso medio di meteore avvistate è risultato in discesa. A quel punto l'attività ha cominciato a risalire, raggiungendo un nuovo piccolo massimo -non previsto- alle ore 17 TU del 17 novembre con uno ZHR=18 (+/- 2); il numero delle meteore avvistate è poi risalito sensibilmente dal 18 novembre, fino a culminare con l'incontro dei detriti cometari del 1533 durante tutto il 19 novembre 2003. I picchi evidenziati in quel giorno, alle 02:38 TU con ZHR=41 (+/- 4), alle 06:14 TU con ZHR=39 (+/- 9) e alle 15:07 TU con ZHR=63 (+/- 4) confermano la complessità della distribuzione della polvere cometaria nei filamenti che la Terra incontra nel suo moto di rivoluzione attorno al Sole.
Qui i ricercatori avevano previsto solamente un picco centrato fra le 06:30 e le 08:00, con un tasso meteorico oscillante fra qualche dozzina sino a un centinaio di meteore per ora. Come scritto poc'anzi alle 06:14 c'è stato effettivamente un picco con ZHR=39, ma gli altri due hanno avuto un'attività maggiore, soprattutto quello delle 15:07, che è risultato il maggiore dei tre. Anche qui si sono avvicinati maggiormente Asher e McNaught, che hanno predetto il tempo del picco con un quarto d'ora in ritardo rispetto alla realtà.

Nel ramo discendente della curva d'attività si vede pure il contributo dei detriti cometari del ritorno del 1333, i quali si sono sommati all'attività residua delle parti esterne dei filamenti maggiormente dispersi di quelli citati in precedenza. Qui le previsioni per il massimo andavano dalle 00:50 alle 01:30 TU del 20 novembre, con uno ZHR pari 15-20. Il tasso complessivo a quell'ora si è posizionato intorno al valore di 40, con una differenza in più d'un fattore 2.

Restavano poi una previsione per il ritorno della cometa del 736 d.C., per il quale Lyytinen indicava il 22 novembre alle 21 TU e uno ZHR=10, mentre Vaubaillon indicava le 22:02 con uno ZHR=2.
Il largo massimo minore ha interessato tutto il giorno del 22 novembre, facendo misurare valori di ZHR=10 (+/- 2) alle 04:19 TU e ZHR=11 (+/- 2) alle 21:50 TU, più vicino al tasso previsto da Lyytinen.
Senz'altro c'è ancora molto da fare per rendere le previsioni completamente affidabili, nonostante ritenga che il settore meteorico ci riserverà ancora parecchie sorprese, ma si può dire che si può essere comunque soddisfatti per il lavoro svolto dai teorici, che non mancheranno di fornirci previsioni anno dopo anno.

Per quanto concerne l'attività di fondo delle Leonidi, essa avrebbe dovrebbe essere maggiore nella notte fra il 17 e il 18 novembre. Dalle 23h 30m TU del 17 fino all'alba del 18 il numero delle Leonidi avrebbe dovuto essere abbastanza sostenuto, specie nell'ultima parte della notte, anche se la Luna avrebbe portato un notevole disturbo dalla 1 in poi. In realtà il valore osservato è stato molto basso, portando lo ZHR a circa 15-20, e questo valore dovrebbe mantenersi per un certo numero di anni quale valore di picco per l'attività nodale e non di outburst.

Per quanto concerne la mia attività c'è poco da dire: dopo una settimana di maltempo, ho iniziato ad osservare il 18 novembre 2003 alle ore 22:27 T.U. ed ho dovuto terminare il 19 novembre alle 00:30 T.U. a causa dell'alzarsi implacabile della nebbia. Ho conteggiato solamente nove Leonidi su 31 meteore in totale, ben poca cosa rispetto alle 244 Leonidi su 351 in totale del 2001.
Nelle notti seguenti, non servirebbe nemmeno dirlo, il cielo è rimasto implacabilmente nuvoloso... E, tanto per girare "il coltello nella piaga", nella sera del 20 novembre 2003 si è verificata alla nostra latitudine la più bella aurora per lo meno degli ultimi cinquant'anni! Mi resta la consolazione per aver visto quella della mattina del 31 ottobre 2003, le cui foto potete vedere nell'apposita gallery e la soddisfazione d'essere stato inserito come osservatore nei comunicati IMO, come si legge nel primo rapporto di R. Arlt.

Per le informazioni e l'immagine impiegati qui ringrazio Rainer Arlt e Enrico Stomeo, responsabili rispettivamente della sezione visuale dell'IMO e dell'UAI-sm. Un ringraziamento va pure a tutti i ricercatori che hanno stilato le previsioni e fornito suggerimenti utili per le osservazioni.

Meteore del 18-19 novembre 2003
Comunicati | Meteore | Articoli | Fotografia, ccd e ricerca | Dizionario | Notiziari
Testo in italiano: Copyright © 2003 di Lucio Furlanetto

Pagina caricata in rete: 30 novembre 2003; ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2003